Legge di bilancio 2022: le novità sui bonus edilizi

Legge di bilancio 2022: le novità sui bonus edilizi

Dopo tante “speculazioni” e innumerevoli modifiche la Legge di Bilancio 2022 è venuta finalmente alla luce con la pubblicazione in data 31/12/2021 della Legge 234 del 30 dicembre 2021.

Le conferme più attese erano quelle relative alle proroghe dei così detti “Bonus Edilizi” e alle relative detrazioni fiscali che mai come di questi tempi sono un traino fondamentale per le imprese edili e un vero e proprio risparmio fiscale per i contribuenti.

Vediamo insieme quali sono le novità principali che coinvolgono queste agevolazioni fiscali.

Novità sul Superbonus 110%

  • Per i condomini e per le persone fisiche residenti nei condomini, per le ONLUS (per gli interventi trainati) il Superbonus è stato esteso fino al 31/12/2025 con le seguenti aliquote: 110% per le spese sostenute fino al 31/12/2023, 70% per le spese sostenute nel 2024 e 65% per le spese sostenute nel 2025.
  • Per le IACP ed enti equivalenti il superbonus 110% è stato prorogato fino al 31/12/2023 a condizione che in data 30/06/2023 siano stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’ammontare complessivo.
  • Per gli interventi effettuati da persone fisiche su edifici unifamiliari, unità immobiliari indipendenti e autonome (es. villette) il Superbonus è stato prorogato fino al 31/12/2022 a condizione che in data 30/06/2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.

Il contribuente che deciderà di usufruire direttamente del Superbonus in dichiarazione dei redditi sotto forma di detrazione dovrà tuttavia richiedere il Visto di conformità, fatta salva la dichiarazione precompilata.

Nuova detrazione per le barriere architettoniche

La legge di Bilancio 2022 ha introdotto un nuovo Bonus edilizio dedicato agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche. La detrazione spetta per le spese sostenute nel 2022 ed è pari al 75%.

La detrazione andrà ripartita in 5 anni di pari importo in dichiarazione o in alternativa sarà comunque possibile esercitare le opzioni per lo sconto in fattura o cessione del credito.

Proroga dei “Bonus edilizi”

Vengono prorogati al 31 dicembre 2024:

  • Gli interventi di riqualificazione energetica, tra le quali annovera l’Ecobonus la cui detrazione fiscale è del 65%;
  • Gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (detrazione del 50%);
  • Gli interventi antisismici;
  • Il “Bonus Mobili” finalizzato all’acquisto di mobili o elettrodomestici per l’arredo di un immobile oggetto di ristrutturazione. La spesa massima sarà di euro 10.000 per l’anno 2022 e di 5.000 euro per l’anno 2023 e 2024. La detrazione di imposta resta del 50% della spesa massima da ripartire in 10 quote annuali.

Il Bonus Facciate viene prorogato solo per il 2022 con una aliquota di detrazione ridotta al 60%

Visto di conformità e asseverazione delle spese in caso di cessione del credito o sconto in fattura

La legge di Bilancio 2022 prevede l’obbligo di visto di conformità e attestazione di congruità delle spese nel caso di cessione del credito o sconto in fattura. L’esclusione dai già menzionati obblighi è prevista solo per gli interventi di edilizia libera e per gli interventi di importo complessivo non superiore ai 10.000 euro (fatta eccezione per quelli relativi al bonus facciate che mantengono l’obbligo di visto e attestazione).

La legge di bilancio inoltre ha introdotto l’espressa previsione della detraibilità delle spese che il contribuente sostiene per il visto di conformità e per attestazione di congruità delle spese.

Queste novità entrano in vigore dal 1° gennaio 2022 e in assenza di una espressa retroattività la detraibilità non è, al momento, prevista per le spese sostenute per il visto di conformità e per le attestazioni di congruità sostenute prima del 2022.

Si attendono chiarimenti ufficiali ad opera dell’Agenzia delle Entrate in merito.

È evidente la complessità di situazioni che si vengono a creare ogni anno in seguito all’introduzione della Legge di Bilancio che porta sia delle novità ma che a volte stravolge gli orientamenti fino ad oggi in vigore.

In ambito di bonus edilizi e di agevolazioni fiscali non si può lasciare spazio all’interpretazione ma ci si deve fare al tenore letterale della norma: e sufficiente, tuttavia, intrepretare o omettere un piccolo passaggio per rischiare guai con il Fisco.

Per affrontare queste problematiche la scelta migliore che puoi fare è farti guidare ed assistere da chi per anni ha lavorato in questi ambiti avendo a che fare con la volatilità del Fisco: il tuo Consulente di fiducia.

Siamo qui per aiutare contribuenti e imprenditori: contattaci per una consulenza e scopri i vantaggi che ti abbiamo riservato.

Sarai seguito a 360° e riceverai le migliori consulenze per salvaguardare il futuro tuo e quello della tua attività.

Come possiamo aiutarti?

Contattaci, ti risponderemo nel più breve tempo possibile